State al sole, ma con le dovute precauzioni: sì alle creme di protezione, no alle lampade abbronzanti

State al sole, ma con le dovute precauzioni: sì alle creme di protezione, no alle lampade abbronzanti

gestione No Comments

L’esposizione ai raggi solari ha diversi effetti positivi, come quello di stimolare la produzione di vitamina D, ma i raggi ultravioletti UVA e UVB contribuiscono alla formazione dei tumori della pelle
 
 
 

Stessa spiaggia e stesso mare. E anche stesse cautele. Con l’inizio dell’estate, non bisogna dimenticare che proteggersi dai raggi ultravioletti del sole è necessario per la nostra salute e lo è ancor più in questa stagione in cui aumentano le possibilità di esposizione, tanto nella frequenza quanto nella durata.  

 
 
 

IL SOLE E I TUMORI DELLA PELLE  

L’esposizione ai raggi solari ha diversi effetti positivi, come quello di stimolare la produzione di vitamina D, ma i raggi ultravioletti UVA e UVB contribuiscono alla formazione dei tumori della pelle. In particolare raddoppia il rischio di sviluppare un melanoma cutaneo, uno dei principali tumori in giovane età: in Italia è il terzo più frequente sotto i 50 anni. Grazie ai progressi nella ricerca, la sopravvivenza a 5 anni, però, è pari all’86,8%, fino al 93,6% nei pazienti giovani, con meno di 44 anni.  

 

COME E QUANTO ESPORSI AL SOLE SENZA CORRERE RISCHI  

Le principali istruzioni per l’uso estive, ci ricorda l’AIRC, Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, sono quelle di evitare le ore più calde e comunque non esporsi a lungo. Bisogna anche applicare più volte una crema solare con un fattore di protezione superiore a 30; indossare delle protezioni come occhiali da sole, cappelli e magliette; non esporre direttamente al sole neonati e bambini piccoli. Infine, in ogni stagione, evitare le lampade abbronzanti perché aumentano il rischio di melanoma. 

 

 

IL PERCHE’ DEL «NO» ALLE LAMPADE ABBRONZANTI  

«I nuovi casi di melanoma nel 2007 sono stati 7mila; nel 2015 sono raddoppiati a 14mila. Inoltre, il melanoma colpisce sempre più le fasce più giovani» ha detto Paolo Ascierto, Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione “’G. Pascale” di Napoli al congresso mondiale dell’American Society of Clinical Oncology di Chicago.  

 

Ascierto sottolinea l’importanza di una maggior informazione sul «rischio delle lampade abbronzanti e delle scottature, che emergono nelle storie passate dei nostri pazienti. I ragazzi devono rendersi conto che è come il fumo di sigarette. Uno studio dell’Oms mostra un aumento del 75% del rischio di melanoma se l’esposizione alle lampade avviene ad un’età inferiore di 30 anni. Basta anche una sessione sola, è una concentrazione di raggi ultravioletti nel giro di poco tempo». 

 

Secondo il rapporto dell’Oms «Artificial tanning devices: public health interventions to manage sunbeds» per decenni l’esposizione deliberata e per scopi cosmetici alle radiazioni ultraviolette delle lampade abbronzanti ha aumentato l’incidenza dei tumori della pelle e abbassato l’età della loro comparsa. 

 

L’Oms, che nel report consiglia anche le misure che i paesi dovrebbero adottareper limitare il danno, stima che l’uso dei lettini abbronzanti sia responsabile complessivamente di oltre 450 000 casi di tumore cutaneo non melanoma e oltre 10.000 casi di melanoma ogni anno negli Stati Uniti, in Europa e in Australia.  

 

Maria Neria, direttrice del dipartimento Salute pubblica e fattori ambientali e sociali della salute dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha invitato i paesi a «prendere in considerazione il divieto o la limitazione del loro uso e informare tutti gli utenti sui rischi per la salute». 

 

TENERE D’OCCHIO I NEI SULLA PELLE  

Anche d’estate bisogna tenere d’occhio i nei, per i quali vale la regola dell’Abcde: A sta per asimmetria, B per bordi irregolari e frastagliati, C per colore della macchia molto scuro o con diverse gradazioni, D per dimensioni superiori a 6 mm o in aumento, E per evoluzione nell’aspetto di una macchia, come un neo che diventa da liscio a rugoso o che comincia a bruciare, prudere o sanguinare. In questi casi, rivolgersi ad uno specialista per una visita di controllo. 

 

L’IMPEGNO DI AIRC  

«I ricercatori AIRC sono in prima linea a livello internazionale nella ricerca sul melanoma: dopo molti anni di studi, tentativi e passi avanti nella conoscenza», spiega Federico Caligaris Cappio, Direttore Scientifico di AIRC che, nel solo 2018, ha destinato oltre 2,6 milioni di euro per 34 progetti e borse di studio sui tumori della pelle. «Proprio partendo dai successi clinici dell’immunoterapia in questo campo, questo approccio è studiato anche per la cura di altri tipi di tumore, in aggiunta a chirurgia, radioterapia e chemioterapia». 

HOME

Carboidrati e grassi insieme “confondono” il cervello

gestione No Comments

Per il cervello umano, gli alimenti che contengono grassi e carboidrati insieme sono più gratificanti di quelli che presentano solo uno di questi nutrienti. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Dana M. Small, della Yale University di New Haven (Usa), secondo cui la combinazione di grassi e carboidrati sarebbe in grado d’“ingannare” il cervello, spingendolo a sovrastimare il valore energetico del cibo e suscitando un forte desiderio di consumarlo.

Per giungere a queste conclusioni, gli scienziati hanno esaminato la risposta neuronale suscitata da diversi tipi di cibo. Hanno analizzato l’attività cerebrale di 206 volontari che sono stati sottoposti a risonanza magnetica mentre erano impegnati a osservare una serie di fotografie di snack contenenti principalmente grassiprincipalmente zuccheri oppure una combinazione di entrambi. Gli autori hanno poi assegnato una modesta quantità di denaro a ciascun partecipante, invitandolo a usarli per acquistare uno degli alimenti osservati in precedenza.

 

Al termine dell’esperimento, è emerso che quando i soggetti guardavano le immagini dei cibi ricchi di grassi e carboidrati, il centro di ricompensa del loro cervello tendeva a rilasciare più dopamina – il cosiddetto “ormone della gratificazione” -, rispetto a quando osservavano alimenti che avevano lo stesso valore energetico, ma contenevano principalmente grassi o carboidrati. Inoltre, i volontari erano disposti a pagare di piùper acquistare gli alimenti che contenevano entrambi i nutrienti.

 

Secondo gli esperti, la combinazione di grassi e carboidrati sarebbe in grado di confondere il cervello, inducendolo a sovrastimare l’apporto calorico fornito dall’alimento. “Il processo biologico che regola l’associazione dei cibi al loro valore nutrizionale si è evoluto in modo da definire attentamente il valore di un alimento, affinché gli organismi possano assumere decisioni adattive – spiega la dottoressa Small -. Per esempio, un topo non dovrebbe rischiare di correre all’aperto ed esporsi alla presenza di un predatore per cercare un alimento che fornisce poca energia. Sorprendentemente, sembra che i cibi che contengono grassi e carboidrati trasmettano al cervello informazioni relative al loro potenziale apporto calorico  attraverso meccanismi distinti. I nostri partecipanti sono stati molto accurati quando hanno dovuto stimare le calorie provenienti dai grassi, ma piuttosto approssimativi quando hanno valutato le calorie derivanti dai carboidrati. Il nostro studio dimostra che quando entrambi i nutrienti sono combinati, il cervellosembra sovrastimare il valore energetico del cibo”.

 

Gli studiosi fanno notare che i cibi ricchi di grassi e carboidrati non esistono in natura, con una sola eccezione: il latte materno. Questo si spiega, precisano gli esperti, perché è fondamentale che i bambini siano spinti a nutrirsi per sopravvivere. Tuttavia, questo meccanismo cerebrale che induce le persone a consumare gli alimenti che contengono entrambi i nutrienti potrebbe favorire la diffusione di sovrappeso e obesità. “Nell’ambiente alimentare moderno – conclude la ricercatrice -, che è pieno di alimenti trasformati ricchi di grassi e carboidrati come le ciambelle, le patatine fritte e le barrette di cioccolato, questo potenziamento della ricompensa potrebbe avere ricadute negative, promuovendo l’iperalimentazione e l’obesità”.

HOME

Sei incinta e vuoi fare ginnastica? Ottima idea, è salutare, ma con moderazione dal terzo trimestre

gestione No Comments

Oggi fare sport è diventato imprescindibile: a qualsiasi età l’attività fisica è fondamentale, per il corpo e per la mente. Ma cosa succede quando una donna rimane incinta? Deve smettere di svolgere attività fisica o deve regolarla per migliorare il proprio stato di salute durante la gravidanza?

 

«Fare esercizio fisico in maniera moderata durante la gravidanza è del tutto raccomandato, salvo nei casi in cui, essendo presente un rischio per il bambino o per la futura madre, il ginecologo consigli riposo alla paziente – afferma la ginecologa Daniela Galliano, esperta nell’ambito della procreazione medicalmente assistita -. Mantenere il corpo attivo aiuta la donna a stare meglio fisicamente e a sopportare meglio i fastidi caratteristici dei primi mesi della gravidanza. Lo sport può aiutare la futura mamma anche a conciliare meglio il sonno, a mantenere il peso corretto che le è stato indicato e, soprattutto, a conservare il tono muscolare del corpo che sarà poi pronto al momento del parto».

 

Moderazione nel terzo trimestre

Nessun divieto categorico, dunque, ma un po’ di moderazione è necessaria, «soprattutto quando la gravidanza prosegue», precisa l’esperta.

 

Le donne, se non sussistono controindicazioni, dovrebbero continuare a fare sport come routine, anche per ridurre il rischio di sviluppare il diabete. Soltanto nel terzo trimestre della gravidanza è consigliabile che sia d’accordo con il proprio ginecologo per capire se sia conveniente mantenere la propria routine sportiva o se debba ridurla in maniera significativa.

 

«È inoltre importante prendersi cura dell’idratazione, stare attenta a non fare sport durante le ore più calde del giorno, soprattutto se fatto all’aria aperta, e mangiare in maniera corretta prima e dopo aver fatto sport», aggiunge Galliano.

 

Quali sono gli sport più raccomandati prima del parto?

Ma quali sono le discipline più indicate per una donna che intende continuare (o iniziare) a muoversi durante la gravidanza?

 

Yoga e pilates, nuoto e ginnastica in acqua, camminata. Le prime due favoriscono il rilassamento e sono fondamentali per aiutare a prevenire il mal di schiena e mantenere una postura idonea. In acqua, invece, si riduce il peso e si fa meno fatica nello svolgere determinati esercizi.

 

Nuotare, praticare nuoto sincronizzato in maniera lieve o fare acquagym possono, oltre a rilassare, mantenere le donne in forma durante tutta la gravidanza, così come possono aumentare il buon tono muscolare della schiena e aiutare a migliorare la postura.

 

Per le donne incinte è infine fondamentale camminare dall’inizio alla fine della gestazione, dato che si tratta di un esercizio aerobico di basso impatto che aiuta a prevenire problemi di circolazione, previene il gonfiore nelle gambe e nei piedi, la stitichezza e, infine, favorisce il controllo del peso.

 

Un’occasione per abbandonare la sedentarietà

Secondo la Mayo Clinic, uno dei principali centri medici degli Stati Uniti, la gravidanza potrebbe addirittura fornire alle donne sedentarie la motivazione necessaria per abbandonare le cattive abitudini. I benefici dello sport sono molteplici e non si limitano ai nove mesi: previene o riduce il mal di schiena, migliora l’umore e regala energie in più, aiuta a dormire meglio, previene l’eccessivo aumento di peso, aumenta la forza muscolare. L’esercizio fisico regolare può aiutare a far fronte ai cambiamenti fisici della gravidanza e creare quella resistenza fisica che sarà necessaria alla mamma per le sfide future.

HOME

Sposato o single? Il tuo stato civile influenza anche la tua salute, ecco perché

gestione No Comments

Un recente studio pubblicato sulla rivista Annals of Behavioral Medicine pone l’accento su quanto uno stile di vita irregolare aumenti il rischio di morte prematura soprattutto se tale condotta si adotta dopo un divorzio, anche se la relazione fra separazione e cattive condizioni di salute resta non del tutto chiarita e lascia spazio a diverse ipotesi.

 

Lo studio in questione, in ogni caso, è solo uno degli ultimi che evidenzia come una vita di coppia serena sia di aiuto alla salute, mentre al contrario essere single aumenti la probabilità di ammalarsi e morire.

 

La fine di un matrimonio, in effetti, determina spesso tutta una serie di situazioni psicologiche ed economiche che possono peggiorare lo stato di salute. Al contrario un’unione felice e la certezza di poter contare su un compagno in grado di spronare a fare meglio, attento a limitare i vizi e le condotte sbagliate possono contribuire a superare alcune condizioni patologiche e magari prevenirle.

 

Un partner supporta nella vita quotidiana e nell’emergenza

«Molte ricerche mostrano come il matrimonio faccia bene alla salute. Il motivo principale di questa influenza è l’azione stabilizzatrice di un rapporto di lunga durata – spiega Antonio Maturo, docente di Sociologia della salute presso l’Università di Bologna e la Brown University (USA) che aggiunge -. Avere una certa regolarità rispetto a sonno e dieta è di per sé una pratica salutare, così come lo è una sessualità regolare. La possibilità di dialogare con costanza con qualcuno, inoltre, è un fattore di protezione contro la depressione ed è noto quanto una persona triste o depressa sia incline a trascurarsi. Le evidenze scientifiche a disposizione mostrano pure che se uno dei partner adotta comportamenti virtuosi, per esempio smette di fumare, l’altro ne risulta facilmente contagiato. La cosa più importante, però, è il supporto pratico che un partner può fornire: sia nelle emergenze sia nella vita quotidiana».

 

 

La separazione accentua fumo e sedentarietà

Dopo un divorzio, rileva sempre lo studio di Annals of Behavioral Medicine, sia i maschi sia le femmine tendono a cedere soprattutto alla sedentarietà perché non si ha voglia di uscire o relazionarsi con la cerchia di amici e conoscenti che si frequentava in coppia e la chiusura iniziale, può poi diventare un’abitudine consolidata. Altro vizio cui si tende facilmente a cedere è il fumo.

 

«Paradossalmente anche chi decide di uscire di più e conoscere gente nuova per buttarsi alle spalle il passato e vive quindi vita sociale più intensa, magari anche rispetto al passato per cercare nuove occasioni, è maggiormente esposto a tentazioni come il bere e il fumare » suggerisce ancora il professor Maturo.

 

La vita a due giova soprattutto alla salute maschile

Sempre dalle evidenze a disposizione risulta che le persone sposate con diabete di tipo2, ipertensione e colesterolo alto possono contare su un tasso di sopravvivenza superiore rispetto ai single gravati dai medesimi problemi di salute. I coniugati, inoltre, hanno più probabilità di sopravvivere a un attacco di cuore. Il matrimonio, in ogni caso, sembra giovare più alla salute maschile che a quella femminile come a risentire di più di un divorzio in termini affettivi sono soprattutto le donne che evidenziano un livello di soddisfazione personale più basso e un forte abbattimento sentimentale .

 

«I maschi hanno più probabilità di lasciarsi andare a comportamenti nocivi per la loro salute se non hanno una compagna – precisa ancora il professor Maturo che conclude – Le separazioni sono una delle cause principali delle nuove povertà maschili, poiché capita spesso che gli uomini debbano pagare gli alimenti per il mantenimento dei figli e l’impoverimento è la principale causa di malattia e mortalità precoce. Il degrado economico, inoltre, è legato spesso all’adozione di stili di vita malsani, se non addirittura a una riduzione del benessere oggettivo. Per fare un esempio molto pratico chi è povero rinuncia alla frequenza regolare della palestra o a comprare frutta fresca tutti i giorni, con ripercussioni di salute non da poco. La salute, dopotutto, è una risultante di circoli viziosi o virtuosi, una separazione può facilmente innescarne uno negativo».

HOME

Tintura per i capelli non più di 6 volte all’anno: provoca cancro al seno

gestione No Comments

Tintura per i capelli non più di 6 volte all'anno: provoca cancro al seno

Tinta per capelli? Non più di 6 volte l’anno e preferibilmente con prodotti naturali che riducano il rischio di danni, incluso il tumore. Ad allertare le donne il chirurgo senologo Kefah Mokbel del Princess Grace Hospital di Londra, che ha portato avanti delle ricerche in cui si evidenzia che le donne che si colorano i capelli corrono il 14% di pericolo in più di cancro mammario, riporta il ‘Daily Mail’ online.

Occorre dunque ridurre il ricorso a prodotti cosmetici per capelli, soprattutto se sintetici, ammonisce l’esperto. Meglio optare per henné, barbabietola, rabarbaro o altre piante con proprietà coloranti naturali e prive di rischi per lasalute. «Anche se sono necessari approfondimenti, i nostri risultati suggeriscono che l’esposizione alle tinte per capelli può contribuire al cancro del seno. Meglio optare per coloranti naturali e sottoporsi sempre a screening preventivi dall’età di 40 anni in su», consiglia l’esperto.

HOME

Smartphone e tablet ai bambini? Se usati troppo presto fanno danni: quando e come concederli

gestione No Comments

Li si vede «smanettare» con quegli aggeggi già nel passeggino, se non in metropolitana o al ristorante. I device tecnologici sono spesso considerati una manna dal cielo per i genitori, soprattutto nelle fasi in cui i bambini sono più concitati.

 

SVILUPPO COGNITIVO 

Ma mettere nelle loro mani smartphone e tablet può essere sì un palliativo per la serata che rischia però di danneggiare i più piccoli. Questo perché «numerose sono le evidenze sulle interazioni con lo sviluppo neurocognitivo, il sonno, la vista, l’udito, le funzioni metaboliche e lo sviluppo emotivo in età evolutiva». Lo hanno messo nero su bianco gli specialisti della Società Italiana di Pediatria in un documento pubblicato sull’«Italian Journal of Pediatrics», in cui si tiene conto delle conclusioni degli studi pubblicati in materia negli ultimi anni. «I bambini tra 0 e 2 anni non dovrebbero mai usare smartphone e tablet» e, discorso valido per i più grandi, «comunque mai durante i pasti e prima di andare a dormire».

 

NO A SMARTPHONE E TABLET PRIMA DEI 2 ANNI

Quella dei pediatri italiani non è una crociata contro la tecnologia che, in determinate circostanze, «può avere un impatto positivo sull’apprendimento in età prescolare, purché con l’affiancamento dei genitori», è il pensiero di Alberto Villani, responsabile del reparto di pediatria generale e malattie infettive dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma e presidente della Società Italiana di Pediatria.

 

Ma come specialisti chiamati a prendersi cura dei più piccoli, era ormai improcrastinabile l’appuntamento con una presa di posizione che nasce da una cattiva abitudine diffusa in molte famiglie: non soltanto italiane. I bambini, infatti, cominciano sempre prima a cimentarsi con i dispositivi digitali. In Italia otto su dieci sanno usare il cellulare già nella fascia d’età compresa fra i 3 e i 5 anni.

 

L’apprendimento è la conseguenza dell’eccessiva permissività da parte dei genitori, se quasi una coppia su tre usa lo smartphone per distrarre il proprio figlio già nel primo anno di vita. E la percentuale raddoppia a partire dal secondo. Da qui la necessità di rendere pubblica una posizione scientifica ufficiale, con la quale informare anche quei genitori ancora inconsapevoli delle insidie legate a un simile atteggiamento.

 

I GENITORI SONO CHIAMATI A DARE SEMPRE IL BUON ESEMPIO

Nel documento, che esplicita una posizione derivante dalle evidenze scientifiche finora emerse, si suggerisce il divieto assoluto di utilizzo di smartphone, tablet e pc nei primi due anni di vita. Da quel momento fino ai cinque anni, si può far avvicinare un bambino alla tecnologia: per non più di un’ora al giorno.

 

Si arriva a due, invece, nella fascia d’età compresa tra cinque e otto anni. In ogni situazione, dunque senza tenere conto dell’età, non si dovrebbe comunque utilizzare smartphone e tablet per calmare i bambini né come strumento «pacificatore», a seguito di un litigio.

 

«È importante porre ai bambini dei limiti e trovare dei modi alternativi per intrattenerli e calmarli – aggiunge Elena Bozzola, pediatra del Bambin Gesù e segretario nazionale della Società Italiana di Pediatria -. È fondamentale inoltre la partecipazione educativa dei genitori all’esperienza digitale dei figli: la tecnologia può essere presente nella vita dei più piccoli, purché la mamma o il papà siano sempre al loro fianco. Ai genitori tocca dare il buon esempio, limitando l’utilizzo dei media device perché i bambini sono grandi imitatori».

 

RISCHI MA ANCHE OPPORTUNITÀ CON I DISPOSITIVI DIGITALI: I GIOCHI

I media device ostacolano o favoriscono l’apprendimento? Secondo studi recenti, l’uso dei touch screen potrebbe interferire con lo sviluppo cognitivo dei bambini, perché questi hanno bisogno di un’esperienza diretta e concreta con gli oggetti in modo da affinare il pensiero e la capacità di risolvere i problemi.

 

LE PAROLE CHE SI POSSONO APPRENDERE PRIMA DEI TRE ANNI

Il bambino di età inferiore ai tre anni può apprendere nuove parole attraverso video solo se è presente un genitore che aggiunge altre informazioni durante lo svolgimento delle varie sequenze. L’uso di applicazioni educative ben fatte promuove l’apprendimento nei bambini in età prescolare e nei primi anni delle elementari. Una elevata quantità di tempo speso davanti allo schermo è correlata a scarso profitto in matematica, a bassi livelli di attenzione e anche a minori relazioni sociali con i coetanei.

 

LE APP PER DISEGNARE. ATTENZIONE AGLI ORARI PER PROTEGGERE IL SONNO Le app per disegnare potrebbero giocare un ruolo positivo nello sviluppo dei bambini e possono essere utilizzate in aggiunta ai tradizionali colori e gessetti in quanto sono sicuri e facili da usare. L’uso dei media device da parte dei bambini può avere effetti positivi solo se ci sono i giusti contenuti e la presenza del genitore.

 

L’utilizzo di strumenti elettronici durante l’infanzia per più di due ore al giorno è associato ad un aumento del peso corporeo e a problemi comportamentali. Alcune evidenze suggeriscono inoltre che esiste una correlazione tra utilizzo di tablet, cefalea e dolore muscolare (soprattutto a collo e spalle) dovuto alla inappropriata postura. L’uso dei dispositivi multimediali può interferire con la qualità del sonno attraverso le sollecitazioni causate sia da alcuni contenuti stimolanti sia dall’esposizione alla luce dello schermo che può interferire con il ritmo circadiano quando l’esposizione avviene la sera.

 

Uno studio recente conclude che i bambini di età compresa tra uno e quattro anni che hanno la televisione in camera hanno una peggiore qualità del sonno, più paura del buio, incubi e dialoghi nel sonno.

 

ATTENZIONE ANCHE ALLA SALUTE DELLA VISTA

L’esposizione a tablet e smartphone può interferire anche con la vista. L’uso continuo dello smartphone può causare il disturbo di secchezza oculare. Pertanto il bambino può avvertire una sensazione di corpo estraneo nell’occhio o bruciore oculare, una sintomatologia del tutto sovrapponibile a quella dell’occhio secco. Per di più gli smartphone sono utilizzati a una distanza ravvicinata a causa del loro piccolo schermo led, inducendo quindi fatica oculare, abbagliamento e irritazione.

HOME

Disfunzione erettile, spesso è solo un sintomo di patologie nascoste: ecco quali potrebbero essere

gestione No Comments

Per molti uomini è una malattia, ma in realtà è più corretto considerarla un sintomo: non per questo meno insidiosa, però.

La disfunzione erettile – a soffrirne è un uomo su due, dopo i 40 anni e il disturbo è legato anche all’invecchiamento – è uno spauracchio per i maschi italiani. Chi ne soffre, nella maggior parte dei casi, evita di parlarne: in famiglia così come con uno specialista. Di conseguenza finisce per convivere suo malgrado col problema, il che determina anche un contraccolpo psicologico, o per affidarsi al «fai da te».

Non è un caso che i farmaci per curare i disturbi dell’apparato urogenitale maschile siano quelli più contraffatti e messi in commercio in maniera illegale: nella maggior parte dei casi attraverso la rete. Ma la disfunzione erettile va considerata da subito, dal momento che è a tutti gli effetti un campanello d’allarme per la salute cardiovascolare .

Ecco i rischi per il cuore negli uomini che soffrono di disfunzione erettile

La conferma a un’ipotesi di cui gli specialisti discutono già da qualche anno giunge da uno studio pubblicato sulla rivista «Circulation», che ha confermato come chi soffre di disfunzione erettile dovrebbe considerarsi più a rischio: e non soltanto per la maggiore probabilità di collezionare performance sessuali non memorabili.

 

Sebbene non sia sempre così, il disturbo potrebbe essere il segno di una malattia sottostante: come il diabete o una cardiopatia. Una correlazione che è tanto più accentuata quanto più è giovane la persona che ne soffre. Per questo, ai primi sintomi, è importante rivolgersi a un medico per accertare subito la presenza di ulteriori patologie. «Potremmo definire la disfunzione erettile il metro di misura della sindrome metabolica – afferma Vincenzo Mirone, direttore del dipartimento di urologia all’Università Federico II di Napoli e responsabile dei progetti di comunicazione della Società Italiana di Urologia -. Lo dicono i numeri, inequivocabili, ma anche la nostra quotidianità.

A ogni visita richiesta per risolvere un problema urologico come la disfunzione erettile, nella grandissima maggioranza dei casi il paziente è in sovrappeso o obeso, ha la pressione alta, il colesterolo alle stelle e in molti casi un diabete di tipo 2 non diagnosticato. Nonostante vi siano in alcuni casi cause in parte genetiche, a farla da padrone sono una dieta ricca di zuccheri semplici e grassi associati ad uno stile di vota non sano, sedentarietà, vizio del fumo di sigaretta, a determinare la comparsa della sindrome metabolica. Dunque, il primo intervento è proprio rimettere in sesto lo stile di vita, l’alimentazione, ripristinando anche un minimo di attività fisica».

 

In quale proporzione lo stile di vita può incidere sul disturbo

L’impotenza è un problema che colpisce oltre tre milioni di italiani ma solo il dieci per cento riceve una terapia. I farmaci da assumere per via orale rappresentano una prima terapia molto comune per il trattamento della disfunzione erettile, ma non funzionano allo stesso modo per tutti. Circa la metà degli uomini affetti ne interrompe frequentemente l’assunzione o lamenta che la pillola non agisca adeguatamente.

 

Far sapere che la disfunzione erettile può rappresentare un campanello d’allarme per la salute del cuore è importante soprattutto per i più giovani, che diversamente non vengono controllati da un cardiologo, se non per un problema già presente. Detto del possibile intervento farmacologico, molto in realtà si può fare correggendo lo stile di vita: alimentazione equilibrata, attività fisica, divieto categorico al fumo.

HOME

Il cioccolato fa bene, quello con il 70% di cacao può aiutare perfino contro la colite

gestione No Comments

Benefico per memoria, umore e immunità. Ma anche contro infiammazioni e stress

Consumare ogni giorno piccole quantità di cioccolato fondente fa bene alla salute, ma per evidenziare tali benefici il cioccolato consumato deve contenere almeno il 70% di cacao e un 30% di zucchero di canna biologico. A ribadire questo concetto due recenti studi statunitensi che hanno insistito molto sul fatto che con un contenuto di cacao inferiore al 70% i benefici di salute non ci sono.

 

Maggiore è il contenuto di cacao, infatti, più elevato è l’apporto di flavonoidi, le molecole dall’attività antiossidante. Il cioccolato in commercio, spesso viene arricchito di zuccheri e grassi saturi per mitigarne il sapore amaro a discapito del contenuto in antiossidanti.

 

Potenziamento delle difese immunitarie e della memoria

Gli studi condotti presso l’Università di Loma Linda in California, hanno dimostrato che un consumo di cioccolato fondente, composto per almeno il 70% di cacao, è benefico per la memoria, l’umore, l’immunità, l’infiammazione e lo stress.

 

Nello specifico a 5 volontari sono stati somministrati per 8 giorni consecutivi 48 g di cioccolato fondente al 70% e sono stati notati miglioramenti significativi nel funzionamento delle difese immunitarie, grazie all’attivazione delle cellule responsabili della risposta immunitaria (i linfociti T), ma anche un effetto positivo sulle performance di memoria e nell’apprendimento di nuove abilità.

 

«È bene ricordare che i flavonoidi contenuti nel cacao sono in grado di stimolare la produzione e il rilascio di Ossido Nitrico. Questo porta a un aumento del flusso ematico cerebrale e della perfusione sanguigna del sistema nervoso centrale e periferico, tale da fornire ossigeno e glucosio ai neuroni, eliminando anche i metaboliti dei rifiuti nel cervello e negli organi sensoriali e stimolando l’angiogenesi nell’ippocampo – chiarisce Barbara Paolini, vicesegretario nazionale ADI (Associazione Italiana di dietetica e nutrizione clinica) e medico dietologo dell’AOU Senese la quale sottolinea anche i benefici di un consumo modesto, ma regolare per intestino e sistema cardiovascolare – I polifenoli presenti nel cioccolato esercitano un’azione antinfiammatoria sull’intestino colitico, migliorando l’integrità della mucosa, suggerendo un effetto inibitorio sul rilascio di citochine pro-infiammatorie, con riduzione dell’infiltrazione dei neutrofili, e generazione di NO (Ossido Nitrico), tale da essere associato al miglioramento della colite.

 

La liberazione di NO che si osserva per consumo di cioccolato fondente con buon contenuto di flavonoidi, inoltre, determina un’azione di vasodilatazione, antinfiammatoria con riduzione dell’aterogenesi. L’aumento di NO, infine, può spiegare gli effetti antiipertensivi del cacao, ma anche il miglior profilo lipidico grazie alla riduzione del colesterolo LDL e incremento dell’HDL».

 

Ma come fare a consumare cioccolato anche in estate? Ecco come si conserva

Via libera, quindi, a un moderato consumo di cioccolato fondente anche tutti i giorni. Con il caldo però, il cioccolato si scioglie, come conservarlo e come mangiarne quel tanto che può far bene?

 

«Il cioccolato è sensibile al calore – spiega la dottoressa Paolini – . Per la sua preparazione è importante la fase del temperaggio, attraverso il quale si cristallizza il burro di cacao ottenendo la croccantezza e la struttura che conosciamo. Se sottoponiamo la tavoletta a temperature troppo alte, i cristalli di burro di cacao si modificano e ricristallizzano, perdendo in gusto e consistenza. Perché non si formi la patina bianca, occorre scegliere un luogo di conservazione con una buona aerazione, fresco con una temperatura ottimale intorno a 20°, chiuso ermeticamente che non prenda sapori, privo di umidità e lontano da fonti di luce e calore. Il cioccolato si può anche congelare, con l’accortezza di scongelarlo (come tutti gli alimenti) gradualmente in frigorifero».

HOME

Il verde aiuta i pazienti, il primo giardino pensile sul tetto di un ospedale

gestione No Comments

Il verde aiuta i pazienti,  il primo giardino pensile sul tetto di un ospedale
Il giardino terapeutico inaugurato al Policlinico Gemelli di Roma.

Per gentile concessione del Gemelli 

Inaugurato al Policlinico Gemelli di Roma, il nuovo Centro di farmacologia clinica dedicato alle donne. In uno spazio più confortevole e green, dove si potrà camminare a piedi nudi sull’erba. Con yoga, agopuntura, musicoterapia

UNA realtà nuova, non solo in Italia, ma anche a livello internazionale. Al Policlinico Gemelli di Roma, si coniuga ricerca e benessere dei pazienti. Anzi delle pazienti, perché il centro di Farmacologia clinica di genere è dedicato alle donne. Al decimo piano dell’Ala O della struttura ospedaliera, infatti, architetti, designer e medici hanno collaborato insieme per ridisegnare gli spazi di cura, grazie al contributo dell’Associazione “Oppo e le sue stanze” onlus, partner già da anni del Gemelli per la realizzazione di altri centri: un terrazzo e un reparto rinnovati secondo le regole del design biofilico – basato cioè sulla realizzazione di spazi caratterizzati da un’atmosfera molto vicina alla natura – che possa favorire il benessere psicofisico delle pazienti durante la sperimentazione clinica.

• SPERIMENTAZIONI PER TUMORI FEMMINILI
Si tratterà, di fatto, di un centro innovativo, il fiore all’occhiello del polo donna (già presente nella struttura ospedaliera). Nel Centro di farmacologia clinica di genere, il primo in Italia, si conducono studi clinici sulle donne: ad oggi si contano già oltre 20 trial di fase 2-3, e dal prossimo mese inizieranno anche quelli di fase 1 – il farmaco si sperimenta per la prima volta sull’essere umano, dunque la ricerca mira in questa fase a stabilire la sicurezza e la tollerabilità del nuovo trattamento – in particolare nell’ambito della ginecologia oncologica, ma non solo: “Il primo trial di fase 1 sarà eseguito con una nuova molecola per i tumori ovarici – spiega Giovanni Scambia, direttore del Dipartimento per la Salute della Donna e del Bambino del Policlinico Gemelli – la sperimenteremo su pazienti che non hanno altre possibilità di cura in questo momento e potranno quindi trovare, attraverso l’utilizzo di questa molecola, una nuova forma di terapia”.
La nuova unità è costituita da quattro stanze per la degenza e due poltrone di Day Hospital, oltre a tutti i sistemi di monitoraggio per la gestione dei trial clinici.

• PORTARE LA CHEMIOTERAPIA FUORI DALLE MURA
Un centro pensato per prendersi cura della salute della donna a 360°, puntando, dunque, anche al benessere psicofisico delle pazienti. Con questo obiettivo gli esperti, in collaborazione con psicologi sociali, esperti del paesaggio e sociologi urbani del Centro studi ReLab – Studies for urban Re-Evolution, hanno realizzato un giardino pensile terapeutico – ad oggi l’unico in Italia – uno spazio protetto e disegnato ad hoc per essere fruito dalle pazienti, che potranno trarre beneficio sia sul piano psicologico che fisico. Ricerche internazionali suggeriscono infatti come l’umanizzazione degli spazi di cura e il contatto con la natura stessa abbia effetti positivi anche sulla salute fisica: riduce il dolore, i tempi di ricovero e aumenta l’efficienza delle terapie.

“Il contatto con la natura aiuta l’accettazione della cura e migliora le performance della cura stessa, con un percorso che utilizza suoni, sensazioni e olfatto. E’ la massima dimostrazione di cosa vuol dire medicina personalizzata, farmaci innovativi per la cura non solo della malattia, ma della persona”, continua Scambia, durante l’inaugurazione del giardino terapeutico. Una sequenza di stimoli sensoriali caratterizza questo spazio, arricchito da un piccolo percorso sensoriale – il sensory path – da fare a piedi nudi che alterna erba, sassi di fiume e legno.

• VERSO LA TERAPIA INTEGRATA
Per gli esperti del Policlinico resta da realizzare la parte del centro dedicata alla terapia integrata che verrà inaugurata nei prossimi mesi: il giardino terapeutico sarà affiancato da altre attività per prendersi cura delle pazienti, come lo yoga, la riflessologia, la musicoterapia, l’agopuntura e le consulenze sugli stili di vita (sonno, alimentazione), per affrontare la patologia con una concezione olistica, che miri a curare bene anche la persona in quanto tale, non soltanto la sua malattia.

Canada, il Parlamento ha approvato la legalizzazione della marijuana: è il secondo Paese al mondo (il primo del G7)

gestione No Comments

Canada, il Parlamento ha approvato la legalizzazione della marijuana: è il secondo Paese al mondo (il primo del G7)
Lo stato nordamericano diventa il secondo Paese al mondo dopo l’Uruguay a rendere legale l’acquisto e il consumo di cannabis per uso ricreativo: “Un voto storico che ha messo fine a 90 anni di proibizionismo”, ha detto il senatore indipendente Tony Dean, che ha portato avanti il progetto di legge

Da metà settembre i cittadini canadesi potranno comprare e consumare legalmente la cannabis per uso ricreativo. Lo ha deciso il Parlamento dello Stato nordamericano: il Senato che ha approvato il Cannabis Act con 52 voti a favore, 29 contrari e due astenuti. Il Canada diventa così il secondo Paese al mondo dopo l’Uruguay a legalizzare la marijuana per uso ricreativo. E’ il primo tra i Paesi appartenenti al G7. Una mossa “anti-proibizionista”, quella voluta dal presidente Justin Trudeau, che mira a contrastare la criminalità organizzata legata al contrabbando e allo spaccio di droghe e nel frattempo aumentare anche le entrate dello Stato.

La legge federale permetterà ai canadesi di coltivare fino a quattro piante di cannabis a domicilio. Durante il dibattito finale, durato alcune ore, molti senatori hanno tentato per l’ultima volta di convincere i colleghi a votare un emendamento che avrebbe avuto l’effetto di trasferire alle province il potere di proibire la coltivazione a domicilio. Una proposta sempre rifiutata dai liberali, il partito di Trudeau, che anche in questa occasione hanno votato in modo contrario impedendo l’approvazione dell’emendamento.

La ministra della Salute Ginette Petitpas Taylor ha detto che alle province serviranno due o tre mesi prima di essere pronte per l’implementazione della nuova legge.”Questa sera il Senato ha visto un voto storico”, ha detto il senatore indipendente Tony Dean, che ha portato avanti il progetto di legge. Abbiamo messo fine a 90 anni di proibizionismo della cannabis in questo Paese, novant’anni di inutile criminalizzazione, novant’anni di un approccio fatto soltanto di ‘no’ che non ha funzionato”.