Proteggete la vista: ai bambini farà bene aria aperta e maggiore distanza dai dispositivi digitali

Proteggete la vista: ai bambini farà bene aria aperta e maggiore distanza dai dispositivi digitali

gestione No Comments

Anche se i fattori genetici giocano un ruolo rilevante nella miopia, molti bambini potrebbero preservare una buona vista semplicemente trascorrendo più tempo all’aria aperta. È quanto sostiene Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana (SOI), le cui parole trovano pieno riscontro nei risultati del trial clinico CLEERE, condotto su 1.200 bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni. Per la prima volta questo studio internazionale ha evidenziato, più di un decennio fa, che i bambini che trascorrono molto tempo all’aria aperta hanno meno probabilità di andare incontro a miopia rispetto ai più casalinghi, indipendentemente dal tempo totale trascorso sui libri o di fronte alla tv.

 

Più luce solare e meno display

Il motivo di questo risultato ancora oggi non è del tutto chiaro: una delle ipotesi è che la luce naturale favorisca il rilascio di dopamina, che impedirebbe al bulbo oculare di sviluppare quella caratteristica forma allungata che contraddistingue la miopia. Tuttavia i moderni display di tablet e smartphone potrebbero non essere immuni da responsabilità, specie se tenuti troppo vicini agli occhi. «Come un tempo si diceva ai bambini di non stare troppo vicino alla televisione, oggi bisogna raccomandare loro di mantenere una certa distanza da smartphone e tablet, poiché avvicinando troppo l’occhio entra in funzione una messa a fuoco automatica che sembra favorire l’evoluzione della miopia in soggetti predisposti» avverte il Presidente SOI. Ad esempio guardare lo schermo di uno smartphone o di un tablet dalla distanza di 20 cm comporta uno sforzo triplicato rispetto al guardarlo da una distanza di 50 centimetri. Se questo sforzo viene mantenuto per troppo tempo, è possibile che nel tempo possa favorire il difetto della vista.

 

Pause frequenti da pc e tablet

I dati internazionali sulla miopia dimostrano un crescente aumento di questo difetto visivo nel mondo, con picchi massimi di incidenza in estremo Oriente (a Seul il 96,5% dei 19enni è miope) e una tendenza, entro l’anno 2050, a una popolazione terrestre composta per il 50% di miopi.

 

Arrestare il suo decorso sembra improbabile, sia per la matrice parzialmente genetica del disturbo, sia perché le più semplici raccomandazioni vengono continuamente disattese. «Fare frequenti pause quando si utilizza un pc o un tablet oppure limitare l’utilizzo dei dispositivi elettronici nei bambini a un massimo di 2-3 ore al giorno sono raccomandazioni tanto semplici quanto efficaci, eppure difficilmente rispettate» avverte Matteo Piovella.

 

Occhiali o lenti a contatto?

Una volta che si manifesta la miopia, la correzione attraverso occhiali o lenti a contatto è assolutamente ininfluente sul suo andamento, anche se chi preferisce le lenti deve impegnarsi a utilizzarle in modo attento e responsabile. «Indossare le lenti significa prestare massima attenzione al loro utilizzo e sapere che, se una lente provoca fastidio o rossore, questa deve essere assolutamente rimossa e sostituita. Ogni giorno in Italia una persona perde un occhio a causa dell’utilizzo improprio delle lenti» sottolinea Piovella.

 

Seppur allarmante, questo dato è estremamente contenuto rispetto alle decine di migliaia di fruitori di lenti in Italia. Tuttavia dovrebbe far riflettere su quanto la salute degli occhi dipenda dai piccoli accorgimenti, che tutti conoscono e pochi mettono in pratica.

HOME

Così la logopedia potrà beneficiare dei nuovi sistemi di “comunicazione aumentativa”

gestione No Comments

Il 6 marzo Giornata Mondiale dedicata alle terapie per il linguaggio

Comunicare senza mai parlare. Può sembrare impossibile, ma è invece una realtà per milioni di persone in tutto il mondo grazie alla comunicazione aumentativa alternativa: una sorta di «superlinguaggio» che permette di comunicare con la realtà circostante anche a chi è impossibilitato (momentaneamente o meno). In Italia questo problema, per varie cause, arriva a riguardare quasi ottocentomila persone. Ma attraverso questa opportunità – flessibile e modulata sulla base delle caratteristiche della persona stessa – si può permettere a queste persone di essere comunque in grado di mantenere una socialità adeguata.

 

Comunicazione aumentativa alternativa: di cosa si tratta?

È dedicata alla comunicazione aumentativa alternativa la Giornata europea della logopedia, in programma come ogni anno per il 6 marzo. Per l’Italia è prevista la consueta settimana di consulti con i cittadini, che potranno contattare la Federazione dei Logopedisti attraverso i canali web (www.fli.it – info@fli.it), social e telefonico (049-8647936: fino al 9 marzo, dalle 10 alle 12).

 

V IDEO: IN CHE MODO LA LOGOPEDIA INTERVIENE SULLA BALBUZIE 

 

Un’opportunità per avere delucidazioni sul focus di quest’anno ma non solo.«Quando non è possibile comunicare verbalmente, si può ricorrere alla comunicazione aumentativa alternativa – afferma Tiziana Rossetto, logopedista e presidente della Federazione Logopedisti Italiani -. Si tratta di un insieme di modalità, strategie e tecnologie che possono migliorare la capacità di comunicare di una persona. La comunicazione aumentativa alternativa comprende l’uso di tabelle di immagini, tabelle di lettere, gesti, oggetti, dispositivi a uscita vocale. Si possono per esempio usare i residui vocali del soggetto rinforzandoli con l’uso di immagini simboliche.

 

LEGGI : IL MIO LAVORO DI LOGOPEDISTA PER RIDARE AI PAZIENTI LA PAROLA 

 

Il ventaglio di opportunità va dalla lingua dei segni alle tecnologie assistive, dalla chiusura delle palpebre all’uso di simboli realizzati con grafica essenziale per esprimere un singolo concetto. Senza dimenticare il sistema di comunicazione tramite scambio di immagini che entra a far parte delle strategie utilizzate nell’ambito dell’autismo».

 

Chi ne può trarre beneficio?

La comunicazione aumentativa alternativa può aiutare bambini e adulti che hanno una disabilità congenita (paralisi cerebrale, disabilità intellettiva, disturbo dello spettro autistico) oppure una disabilità acquisita (ictus, trauma cranico), un disturbo degenerativo (malattie del motoneurone, morbo di Parkinson) o una difficoltà temporanea (sindrome di Guillain-Barré). Chiunque abbia una disabilità che colpisce gravemente la comunicazione, non soltanto nella produzione ma anche nella comprensione, è candidato alla comunicazione aumentativa alternativa.

 

«Gli interventi di comunicazione aumentativa alternativa non ritardano l’acquisizione del linguaggio parlato, anzi – prosegue la specialista -. Esistono evidenze che possono facilitare lo sviluppo del linguaggio per alcune malattie complesse, come nel caso dell’autismo. Possiamo quindi vedere un bambino affetto da sindrome genetica con grave malformazione cranio-facciale, che non ha potuto imparare a parlare e che invece comunica usando specifici software o anche una semplice tabella di simboli colorati che lui può indicare per esprimere le sue richieste.

 

Oppure ancora un paziente adulto con grave afasia che comunica selezionando dal tablet dei messaggi pre-registrati. O, infine, un paziente che ha subito un esteso intervento chirurgico demolitivo testa-collo che digita frasi su un dispositivo che le tramuta in messaggi vocali».

 

Necessario rivolgersi a un logopedista

I logopedisti sono essenziali per garantire l’ottimale scelta ed utilizzo delle forme alternative o aumentative della comunicazione. Chiosa Rossetto: «Il successo dipende infatti dalla personalizzazione della strategia e dal suo adattamento ai bisogni comunicativi della persona dal reale sviluppo o potenziamento della competenza comunicativa, dalla motivazione a comunicare, dal coinvolgimento di tutto l’entourage che ruota attorno alla persona. Non basta imparare a usare un tablet per comunicare efficacemente e in tutti i contesti».

HOME

Parlare nel sonno: lo fanno soprattutto gli uomini e con tono rude

gestione No Comments

Studio francese: la parola più pronunciata è «no». E non sempre i destinatari degli eventuali insulti sono identificabili

Il somniloquio è la propensione a parlare nel sonno: a farlo sono soprattutto i bambini, ma anche gli adulti, specie quelli sotto stress o in preda a stati febbrili.

 

Maria Paola Canevini, professore associato presso l’Università degli Studi di Milano, responsabile del Centro Epilessia dell’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano precisa: «Quello del somniloquio è un fenomeno frequente, basti pensare che nel corso della vita i 2/3 della popolazione presenta questo tipo di manifestazione. Si tratta di solito di un fenomeno normale dovuto al fatto che il cervello non dorme mai, ma continua a formulare pensieri indipendentemente dal fatto che si sogni o meno».

 

In pratica mentre il nostro corpo riposa, il nostro cervello no, o almeno non completamente. Alcune parti si attivano in modo simile alla veglia mentre altre continuano a dormire.

 

La professoressa Canevini spiega: «Mentre si dorme si può verificare una vera e propria dissociazione che permette l’emergere di manifestazioni comportamentali anomale in sonno, fra cui il somniloquio, ma non solo, basti pensare ad altri comportamenti che possono realizzarsi durante il sonno, come il sonnambulismo, un fenomeno durante il quale un soggetto apparentemente addormentato può camminare in giro per casa.

Il somniloquio non è di per sé una malattia, anche se a volte si associa a disturbi neurologici o ad altri disturbi del sonno come il bruxismo, lo sleep terror ovvero la paura di addormentarsi o le apnee ostruttive del sonno.

Il somniloquio può presentarsi sia durante il sonno NREM sia durante quello REM, quindi sia nelle fasi di sonno più leggero che più pesante, manifestando alcune peculiarità nei due diversi contesti. Si può trattare di borbottii difficilmente decifrabili, caratterizzati dall’emissione di semplici suoni, fino a vere e proprie conversazioni».

 

Che cosa si dice nel sonno?

Uno studio francese, recentemente pubblicato sulla rivista Sleep ha cercato di capire meglio cosa accade a chi parla nel sonno e soprattutto si è concentrato nel decifrare cosa viene detto, ovvero se si tratta di frasi senza senso oppure con significato compiuto.

 

I ricercatori hanno selezionato 232 volontari che si sono detti disposti a dormire per due notti di seguito in laboratorio. Tutti erano afflitti da parasonnie, disturbi del sonno che inducono a parlare nel sonno stesso. Nelle due notti di studio i volontari mentre dormivano sapevano di essere sottoposti a polisonnografia, un esame che permette un’attenta valutazione di tutti i parametri legati al sonno.

 

I ricercatori hanno così registrato 883 episodi di parlato nel sonno: il 59% degli episodi era riferibile a borbottii, urla, risate e sussurri. Ma gli studiosi sono riusciti a captare anche 3349 parole intellegibili. I più «chiacchieroni» sono risultati gli uomini e la parola più detta è stata «no», o comunque negazioni e poi domande. Il 10% delle parole dette sono risultate essere insulti, generalmente non rivolti ad un interlocutore preciso. Quando i volontari sono entrati nella fase REM, tuttavia, gli insulti sono stati rivolti chiaramente a persone ben identificabili.

 

Secondo i ricercatori il somniloquio è più frequente nelle persone che vivono una situazione di conflitto a casa o comunque nella vita. Questo lavoro di ricerca permette anche di affermare che quando si parla nel sonno vengono utilizzati gli stessi circuiti cerebrali che di giorno ci permettono di rispettare una certa sintassi, la semantica e di aspettare che l’interlocutore ci risponda.

 

Che cosa si intende per corretta igiene del sonno

La professoressa Canevini sottolinea che «il somniloquio, soprattutto se associato ad altri disturbi del sonno o a riflessi diurni che possono essere spia di una significativa destrutturazione del sonno notturno, dovrebbe essere inquadrato da medici esperti in disturbi del sonno in modo da stabilire se si tratti di una manifestazione isolata o meno, impostare un inquadramento diagnostico e un eventuale trattamento, non necessariamente di tipo farmacologico».

 

Spesso i problemi del sonno si giovano di alcuni semplici accorgimenti di igiene del sonno stesso, come quello di addormentarsi solo in camera da letto, dopo aver spento tutte le apparecchiature elettroniche, televisione compresa, dopo aver assunto una cena leggera che non impegni eccessivamente i processi digestivi, senza aver assunto alcol, addormentandosi in un ambiente sereno, buio e a mantenuto a una temperatura adeguata, ovvero né troppo calda né troppo fredda.

HOME

POLIAMBULATORIO MEDICO ODONTOIATRICO SAN LAZZARO MEDICA

VIA ETTORE BIGNONE 38/A
PINEROLO, ITALIA 10064
Italia
Telefono: 0121030435
Email: sanlazzaromedica@gmail.com

Serviamo pazienti del Pinerolese, Saluzzese e Torinese

Caviglie sottili alla Meghan Markle, la nuova tendenza per cui molte ricorrono al chirurgo estetico

gestione No Comments

Caviglie sottili e sexy. È da sempre il pallino di quasi tutte le donne. Solo che ora, alla vista di quelle perfette di Meghan Markle, la bellissima fidanzata del principe Harry, molte si sono fatte coraggio e hanno deciso di affidarsi al chirurgo estetico per poter esibire gambe da sfilata come quella della futura principessa di Inghilterra. Il ritocchino alla caviglia è diventato, infatti, l’ultimo trend estetico per le donne over 30. La caviglia affusolata è salita adesso in cima alle richieste che arrivano ai chirurghi estetici. Il modello è proprio quello della Markle.

 

 

LE DONNE CHE VOGLIO “RIFARSI” LE CAVIGLIE HANNO PIÙ 30 ANNI D’ETÀ 

«Le caviglie sottili sono sempre state un’ambizione delle donne ma l’attenzione intorno a Meghan Markle l’ha accentuata, tanto che negli ultimi mesi c’è stata un’esplosione di richieste di chirurgia estetica», spiega Giulio Basoccu, chirurgo estetico, responsabile della divisione di Chirurgia plastica estetica e ricostruttiva presso l’Istituto Neurotraumatologico Italiano e docente all’Università di Tor Vergata. «La ricerca di un restringimento più snello tra piede e polpaccio si matura dopo i 30 anni. Le giovanissime guardano più a sedere e culotte», aggiunge.

 

LA CAVIGLIA DIVENTA MIGNON CON LA LIPOSUZIONE

Ma bisogna fare attenzione. Prima di intervenire chirurgicamente si devono fare delle indagini per verificare se l’inestetismo dipende della struttura ossea, da problemi circolatori o dall’accumulo localizzato di grasso: solo in quest’ultimo caso si può procedere con la liposuzione» afferma Basoccu.

 

«È un intervento più complicato e sofisticato della normale liposuzione, ma se eseguito da mani esperte e con perizia si possono ottenere eccellenti risultati. Si rimodella complessivamente – continua – la forma della caviglia, con una riduzione importante della circonferenza anche di alcuni centimetri».

 

Rispetto alla tecnica utilizzata per fianchi, addome e glutei, la liposcultura della caviglia richiede infatti alcuni accorgimenti: «Si utilizzano delle cannule molto sottili, spesso l’aspirazione si fa con delle siringhe e prevede tempi lunghi ed estrema precisione», spiega Basoccu. «L’intervento può durare – continua – da 1 a 3 ore e anche il decorso post operatorio è più lungo, perché le caviglie tendono a sgonfiarsi con molta lentezza. La paziente torna a camminare in un’ora ma per vedere i risultati ci possono volere mesi. Per questo se si ambisce a un rimodellamento per la primavera è consigliabile iniziare adesso».

HOME

Vi sentite stressati e inadeguati? Ecco la soluzione: “Lasciatevi in pace”

gestione No Comments

Dalla Francia la lezione del filosofo ed esperto in Mindfulness Fabrice Midal: “Smettete di torturarvi, la vita non è una equazione matematica»

Cosa non faremmo per vivere tranquilli e sereni? In armonia: col mondo, con gli altri e pure con noi stessi. Galleggiamo in un’esistenza che ci vuole sempre sani, attivi, svegli, efficienti; «performanti», come si usa dire oggi con un termine orrendo. Pronti a scattare, a produrre, ad adattare il nostro fisico e la nostra mente alle novità e agli imprevisti di ogni giorno sul lavoro, ma anche a casa, in famiglia, con le persone che frequentiamo. Sentiamo di dovere essere indiscriminatamente accettabili e adeguati alle più svariate situazioni, in automatica sintonia con qualsiasi contesto ci si presenti.

 

Un bel vortice di sollecitazioni, non c’è che dire. Ognuno regge come può, perché andare avanti si deve. Ma il minimo che possa accadere è che spesso – e non volentieri – si venga travolti da una sorta di ansia da prestazione, la stessa che in ambito sessuale è foriera di fallimenti e che, applicata alla sfera sociale, ci condiziona pesantemente, offuscando e paralizzando le nostre reali potenzialità.

 

Ma allora a che cosa appellarsi per trovare un equilibrio che allevi il nostro malessere profondo, fornendoci la possibilità di tirare fuori il meglio di cui siamo capaci?

Un suggerimento a dir poco geniale, ci arriva dalla Francia, elaborato da Fabrice Midal, uno dei più grandi esperti europei di meditazione. Ed è tutto racchiuso nel titolo originale del suo ultimo libro. Siete pronti a registrarlo nel vostro cervello come una formula magica? Eccolo: «Lasciatevi in pace». Una soluzione facile e a portata di mano, sintetizzata in questa breve esortazione, un imperativo fatto di tre parole, semplice e chiarissimo.

 

«Foutez-vous la paix», pubblicato da Flammarion, è uscito l’anno scorso e nel paese di nascita ha raccolto ottime critiche. Nella versione italiana, la New Compton Editori, ha scelto per il lancio in copertina un assunto meno aulico e più confidenziale, concedendosi una innocua parolaccia che spiegasse al lettore che la maggior parte delle convinzioni nelle quali si è auto-imprigionato «Sono tutte stronzate» (sottotitolo «il metodo francese per superare i sensi di colpa: non serve essere perfetti») .

 

In Francia, il magazine Elle, ha definito il concetto sviluppato nel manuale «il consiglio più rivoluzionario del 2017». Ed è vero, perché ciò che Midal predica, non è di sforzarsi ad agire in un certo modo, ma, al contrario, di cessare di dare il tormento a se stessi su come sarebbe meglio comportarsi. Ogni capitolo del libro è fedele alla legge del mollare gli ormeggi e come un mantra, tutte e 15 le sezioni invitano a «smettere» di fare o essere qualcosa. «Smettete di essere calmi», «Smettete di essere saggi», «Smettete di paragonarvi agli altri», «Smettete di frenarvi» e via di seguito.

 

«Ci martirizziamo dal mattino alla sera – spiega l’autore – Non siamo mai soddisfatti di chi siamo e di che cosa facciamo e così aumentiamo la pressione sul nostro io. Dobbiamo piantarla. E questo non significa che diventeremo all’improvviso ottimi genitori, splendidi colleghi e fantastici amanti. Ma di certo ci accorgeremo delle risorse che possediamo e la smetteremo di massacrarci tentando di essere qualcun altro».

 

Fabrice Midal, parigino, classe 1967, è filosofo e fondatore dell’«École occidentale de meditation». Sul metodo anti-stress che costituisce il fulcro di questa sua ultima pubblicazione, tiene seminari in varie parti del mondo ma «soltanto nei Paesi di lingua francofona», come è costretto a precisare quando gli chiediamo se avremo prima o poi l’opportunità di partecipare a una sua lezione qui in Italia.

 

Gli incontri che organizza in patria sono affollatissimi. Midal, vestito con abiti dai colori caldi e allegri, se ne sta seduto in poltrona su un palco e di quando in quando interrompe il suo soliloquio per bere un sorso d’acqua. Sembra tutto molto naturale, si ha la sensazione che stia parlando a braccio. In realtà non è stato semplice neppure per lui arrivare a questo livello di consapevolezza. «Avevo paura di scoprire il mistero della vita e di indagare a fondo la mia interiorità – ci confida – E’ stato un lungo percorso che infine mi ha portato a conoscere il vero me stesso e oggi eccomi qui a provare ad aiutare gli altri».

 

Nel libro racconta del suo primo approccio alla meditazione, iniziato 25 anni fa quando era uno studente universitario e faceva fatica a procedere negli esami. L’incontro con il biologo e filosofo cileno Francisco Varela (scomparso poi nel 2001) gli apre un mondo. Partecipa ai suoi raduni e scopre una via. «Per la prima volta non avevo niente in cui dovevo riuscire – spiega – mi bastava essere nella situazione e tornare ad avvertire la mia presenza corporea e il mio respiro… Alla fine mi sono sentito a casa».

 

Decide così di diventare egli stesso un insegnante di mindfulness, sebbene molti provassero a scoraggiarlo pronosticandogli un sonoro fallimento per via della sua impostazione. «Cosa potevo comunicare dal momento che iniziavo i miei incontri spiegando che la meditazione non rende più produttivi, né più efficienti, che non fa mettere giudizio e che, fondamentalmente, nel senso comune, non serve a niente?».

 

E invece la strada si rivela quella giusta. Studia e condivide il pensiero di grandi filosofi come Wittegenstein al quale si ispira nella ricerca di una libertà dello spirito: «Nei suoi diari – ricorda Midal – egli esprime riprovazione verso la saggezza…verso l’ipocrisia accademica, verso la freddezza dei dibattiti intellettuali. Estranei al fermento e al calore della realtà… Racconta dei suoi incontri con la gente comune, coloro che effettivamente vivono la benevolenza, l’amore, la preoccupazione di un discorso giusto».

 

Fa propri questi elementi l’autore francese e prova ad andare oltre: «Io oppongo alla saggezza spaventosa come la intendiamo noi, l’entusiasmo che solo, con l’ardore che contiene, guarisce e cambia il mondo. Ci permette di lasciare la nostra zona di comfort, di uscire da noi stessi per andare verso qualcosa di più grande».

Saggezza intesa come zavorra, dunque. Qualcosa che ci allontana da quella benefica e salvifica «leggerezza» alla quale il nostro Italo Calvino aveva dedicato una delle sue pregiate Lezioni Americane.

 

In un capitolo di «Sono tutte stronzate», Fabrice Midal ci invita a diffidare della nostra volontà di capire tutto. Sbagliamo quando assilliamo noi stessi con le domande sui massimi sistemi: «Devo cambiare lavoro, o azienda, o stile di vita perché queste cose hanno avuto un effetto nocivo sulla mia esistenza?…Valutiamo all’infinito i pro e i contro, lasciamo passare mesi, anni, per poi riprendere i nostri calcoli e sentirci invadere dal terrore perché la colonna dei “contro” non è mai vuota. E alla fine restiamo dove siamo, a piangerci addosso e rimpiangere “Ah, se solo avessi…”».

Tormenti inutili e dannosi, bisogna che impariamo a «lasciarci in pace».

 

Nella vita privata dell’autore di «Foutez-vous la paix» c’è un passaggio delicatissimo che non racconteremo qui per rispetto a certe pagine di storia costellate di tragiche vicende umane. Nel libro, quel momento, viene descritto proprio per far comprendere quanto inefficace possa essere l’ostinazione a cercare di capire e razionalizzare ogni cosa. «Ho mollato la corda logora alla quale mi ero aggrappato e ho saltato – spiega Midal -, credendo di lanciarmi nel vuoto, quando in realtà avanzavo finalmente verso la vita….Ho accettato l’incertezza…Ho smesso di cercare di capire il perché e sono entrato in relazione con quel dolore…. La nostra esistenza non è un’equazione matematica e non accanirsi a capire tutto è l’unico modo per essere davvero fedeli al senso dell’esistenza umana».

 

Anche la banale quotidianità, non manca di spunti che ci possono far pensare all’utilità del paradigma ideato dallo scrittore. Pensiamo a quante volte ci è capitato di darci degli imbecilli da soli. Lo studioso parigino fa l’esempio di una signora che aveva incrociato in metropolitana: senza rendersene conto, quella donna si era messa a pensare ad alta voce ed egli l’aveva udita borbottare: «Che stupida che sono! Sono proprio una stupida». Presa dalle sue mille preoccupazioni, si era scordata di scendere alla fermata che le interessava e ora martirizzava se stessa per aver commesso quell’errore. «Siamo il nostro giudice peggiore – argomenta l’autore nel capitolo “Smettete di torturarvi” – Una vocetta dentro di noi commenta ogni nostra azione, ogni nostro pensiero, con una severità che saremmo incapaci di usare verso chiunque altro. Con una parzialità, un accanimento che non appartengono più all’ambito della critica, ma della vessazione».

 

Spesso è così e quel che saremmo in grado di dire amorevolmente all’amico o al conoscente, a noi stessi lo precludiamo e manchiamo di assolverci. «Siamo estremamente maldestri con noi stessi – spiega Midal – … talmente impegnati a rimproverarci e a mortificarci….a dirci che non valiamo niente…che alla fine non concentriamo le nostre energie sulla situazione presente così com’è».

 

Insomma, proviamo a fare come ci suggerisce questo libro. Lasciamoci un po’ in pace. Altrimenti c’è il rischio di finire come quel tizio descritto proprio da Wittgenstein. Quello che, trovatosi rinchiuso in una stanza, cerca di uscirne in tutti i modi più complicati. Prima si arrampica verso la finestra che però sta troppo in alto; poi cerca di passare per il camino che ahimè è troppo stretto. Tutta fatica sprecata. Gli sarebbe bastato voltarsi per accorgersi che la porta era rimasta aperta tutto il tempo.

HOME

Dolore neuropatico: cos’è e quali sono le più moderne strategie per affrontarlo

gestione No Comments

Quando si parla di dolore neuropatico si intende una sensazione dolorosa che origina da un danno o alterazione del tessuto nervoso sia periferico sia centrale.

L’ipereccitabilità nervosa è una delle principali caratteristiche del dolore neuropatico che si manifesta spesso come un dolore provocato da stimoli meccanici o termici normalmente innocui.

 

«Altra importante caratteristica del dolore neuropatico è che può manifestarsi a seguito di numerose patologie come ad esempio, nella complicanza del diabete e cioè la neuropatia diabetica, oppure la nevralgia post erpetica che può colpire chi si ammala di fuoco di Sant’Antonio (ovvero vede riaccendersi l’infezione da Herpes Zoster) – chiarisce il professor Pierangelo Geppetti, Ordinario di Farmacologia Clinica dell’Università di Firenze e Direttore del Centro Cefalee dell’Ospedale Universitario di Careggi che puntualizza anche- Il dolore neuropatico può presentarsi anche come conseguenza dello sviluppo di un tumore o di una chemioterapia, di un ictus, della sclerosi multipla, di un’infezione da HIV o comparire come conseguenza dell’amputazione di un arto. L’origine poco chiara e i meccanismi solo parzialmente conosciuti rappresentano i maggiori ostacoli alla terapia di questo tipo di dolore».

 

Un problema diffuso

Secondo le stime attualmente disponibili il dolore neuropatico affligge il 7-8% degli adulti nel mondo: la condizione tende a essere più probabile negli anziani e nel sesso femminile. La problematica è molto sentita fra i diabetici e purtroppo, visto che la diffusione di tale malattia è sempre maggiore, si prevede un aumento dei casi associati allo sviluppo di neuropatia diabetica.

 

Fare diagnosi di dolore neuropatico non è né facile né scontato e anche quando si arriva a diagnosi certa, non conoscendo bene i motivi per cui il dolore si instaura, non è facile identificare una terapia efficace e ben tollerata.

 

Generalmente un primo approccio è quello di curare la patologia che ha portato a sviluppare il dolore neuropatico e poi di agire su quest’ultimo, ma non con l’utilizzo di antinfiammatori poiché questo tipo di dolore non riconosce una componente infiammatoria, bensì con anticonvulsivanti e antidepressivi, che risultano efficaci indipendentemente dalla loro azione sull’umore o sull’epilessia. Risultano essere di una certa utilità anche i trattamenti fisioterapici e di sostegno psicologico.

 

Un nuovo approccio al dolore neuropatico

Per un più efficace e sicuro trattamento del dolore neuropatico è quindi necessario capirne i meccanismi anche molecolari. Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Nature Communications e condotto presso l’università di Firenze, ha identificato il ruolo di un recettore, chiamato TRPA1 (quello che permette di percepire e a tavola anche apprezzare la sensazione pungente della mostarda e del wasabi, per esempio) e normalmente coinvolto nella trasmissione di sensazioni dolorose che dal singolo nervo arrivano al sistema nervoso centrale.

 

A tale proposito il professor Geppetti, autore dello studio in questione chiarisce:

«Quando un nervo periferico è lesionato viene invaso da macrofagi , ovvero cellule specializzate del sistema immunitario, che dovrebbero ripararlo, ma che, producendo stress ossidativo, sono anche la causa del dolore neuropatico che cronicamente affligge i pazienti. Il nostro studio ha chiarito come fa lo stress ossidativo a produrre dolore neuropatico, identificando la presenza del TRPA1 nelle cellule di Schwann ovvero in quelle particolari cellule che rivestono e proteggono i nervi periferici- il professor Geppetti inoltre puntualizza- In queste cellule il TRPA1, attivato dallo stress ossidativo prodotto dai macrofagi, funziona come un amplificatore che aumentando questo stesso segnale fa si che esso raggiunga il nervo avvolto dalla medesima cellula di Schwann.

Il nostro obiettivo, a questo punto, è quello di scoprire farmaci che bloccando tale meccanismo, in ultima analisi la sovraeccitazione del recettore TRPA1, potranno ridurre o abolire in maniera sicura e efficace il dolore neuropatico».

HOME

POLIAMBULATORIO MEDICO ODONTOIATRICO SAN LAZZARO MEDICA

VIA ETTORE BIGNONE 38/A
PINEROLO, ITALIA 10064
Italia
Telefono: 0121030435
Email: sanlazzaromedica@gmail.com

Serviamo pazienti del Pinerolese, Saluzzese e Torinese

Benvenuto al Dr Nicola Cruciano Urologo – Andrologo

gestione No Comments

 

Dr Nicola Cruciano

Medico chirugo specialista in Urologia ed Andrologia

in servizio presso il reparto di Urologia dell’Ospedale Maria Vittoria di Torino

Visita tutti i venerdì pomeriggio

Prestazioni:

Eco doppler Penieno

Ecografia scortale

Ecografia peniena

Visita urologica

Visita andrologica

Visita andrologica di coppia

Diagnostica andrologica

Farmacoterapia itracavernosa

 

HOME

POLIAMBULATORIO MEDICO ODONTOIATRICO SAN LAZZARO MEDICA

VIA ETTORE BIGNONE 38/A
PINEROLO, ITALIA 10064
Italia
Telefono: 0121030435
Email: sanlazzaromedica@gmail.com

Serviamo pazienti del Pinerolese, Saluzzese e Torinese

Benvenuto alla equipe Medico Universitaria dell’istituto Irccs di Candiolo

gestione No Comments

Siamo lieti di annunciare la nostra collaborazione con l’Istituto Irccs di Candiolo

A partire dal mese di marzo ogni martedì pomeriggio sarà possibile prenotare un consulenza con uno dei membri della equipe medico universitaria dell’irccs di  Candiolo:

Oncologia:

Dr Antonio Capaldi Referente Medico dell’Irccs di Candiolo

Dr Pietro Gabriele Già primario dell’Irccs di Candiolo

Radioterapia Oncologica:

Prof. Dr Pietro Gabriele Già primario dell’Irccs di Candiolo

Chirurgia Oncologica

Dr

HOME

Dimmi come abbracci e ti dirò quanto sei emozionato

gestione No Comments

Studio tedesco con l’osservazione di 2500 azioni. Verso sinistra indica che si è in uno stato emotivo più forte

Può servire a dimostrare amore, gioia o dare conforto in situazioni difficili: l’abbraccio è parte delle interazioni sociali umane sin dalla nascita, ma ci sono differenze che riguardano il modo in cui questo gesto viene compiuto.

 

In generale preferiamo abbracciare da destra, ma se lo facciamo da sinistra la situazione è per noi più coinvolgente dal punto di vista emotivo, sia in termini negativi che positivi. Emerge da una ricerca della Ruhr-Universität Bochum, pubblicata su Psychological Research, che ha analizzato circa 2500 abbracci.

 

In un aeroporto tedesco ne sono stati valutati circa 1000 sia nell’area delle partenze che in quella degli arrivi, dove si stima che si possano provare emozioni diverse, come tristezza perché una persona cara si allontana, o felicità perché ritorna. Per studiare gli abbracci neutrali, invece, su YouTube sono state analizzate clip di attori che abbracciavano estranei, più di 500.

 

Con un test si è chiesto inoltre a 120 persone di abbracciare un manichino. L’analisi ha mostrato che gli abbracci da sinistra si verificano più frequentemente in situazioni positive e negative.

 

«Ciò è dovuto all’influenza dell’emisfero destro del cervello, che controlla il lato sinistro del corpo ed elabora sia le emozioni positive che negative», spiega Julian Packheiser, l’autore principale dello studio. L’abbraccio tra due uomini è un’eccezione, con una forte tendenza a utilizzare il lato sinistro, anche in situazioni neutrali.

 

«La nostra interpretazione è che molti uomini considerano gli abbracci tra loro come qualcosa di negativo, quindi tendono a percepirli come negativi anche in una situazione neutrale» conclude Sebastian Ocklenburg, altro autore dello studio.

HOME

Chirurgia bariatrica: per chi è consigliabile e quali sono i benefici

gestione No Comments

i

Pubblicato il 01/02/2018
FABIO DI TODARO

Più magri e più forti: al punto da poter vivere almeno dieci anni in più a quella che sarebbe stata la loro prospettiva di vita, senza entrare in sala operatoria. I benefici della chirurgia bariatrica per i grandi obesi sono ormai consolidati da decine di pubblicazioni. Ma se in molti casi ci si è concentrati sulla valutazione dell’incidenza di nuove malattie correlate all’obesità, nell’ultimo studio pubblicato sul «Journal of the American Medical Association» il beneficio è stato misurato a lungo termine (fino a dieci anni dopo) e rispetto al fine ultimo dell’intervento: l’aumento della sopravvivenza. «A parità di peso di partenza, tra le persone che non si operano abbiamo registrato tassi di morte doppi rispetto a chi invece aveva avuto l’opportunità di perdere peso ricorrendo al bisturi», afferma Philip Greenland, docente di medicina preventiva alla Northwestern University e coautore della pubblicazione.

I vantaggi della chirurgia bariatrica

Lo studio ha posto a confronto 8385 persone sottoposte a una procedura di chirurgia bariatrica – bendaggio gastrico, bypass, gastrectomia verticale – con 25155 obesi non operati. La loro età media era di 46 anni e l’indice di massa corporea – ovvero la grandezza che rapporta il peso corporeo all’altezza – pari a 40: considerato il valore minimo per procedere alla chirurgia bariatrica anche dalla Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità (Sicob).

 

L’osservazione per due lustri ha permesso di andare oltre quelli che erano i benefici finora dimostrati: ovvero un miglior controllo dell’ipertensione e del diabete di tipo 2, a loro volta già fattori di rischio per l’insorgenza di malattie cardiovascolari e tumori.

 

Nell’arco di dieci anni è stato infatti possibile valutare anche l’impatto della chirurgia bariatrica, accompagnata da un intervento dietetico e da un supporto psicologico adeguato, su altri aspetti: come l’assorbimento di nutrienti e la comparsa di forme di anemia dovuta alla carenza di ferro. I pazienti operati non sono risultati più esposti a queste conseguenze, rispetto a coloro che non avevano avuto modo di veder ridurre il proprio peso corporeo ricorrendo al bisturi.

 

La storia della chirurgia bariatrica

Le potenzialità della chirurgia bariatrica oggi sono osservate con interesse anche negli adolescenti, per far fronte all’obesità infantile. Ma quando nacque, a metà degli anni ’70, la possibilità di trattare chirurgicamente l’eccesso creò scompiglio anche nella comunità scientifica. L’efficacia del trattamento a lungo termine fu il grimaldello con cui gli specialisti che avevano appreso le prime metodiche negli Stati Uniti fecero breccia in Italia. Oggi in Italia ci sono sei milioni di obesi e almeno uno di essi, secondo gli esperti, richiederebbe un approccio chirurgico. Il paziente da sottoporre a un intervento deve rispettare alcuni requisiti: possedere un indice di massa corporea uguale o superiore a 40 (anche inferiore, se associato ad altre malattie), poi dimostrare di non avere tratto benefici da approcci dietetici, avere un basso rischio operatorio e un’alta componente motivazionale.

 

Le diverse opportunità

Le metodiche di intervento, effettuate quasi sempre in laparoscopia, sono quattro, se si esclude il pallone intragastrico: di silicone e forma sferica, è inserito per via endoscopica nello stomaco con lo scopo di preparare l’obeso al successivo intervento chirurgico. Permanenti sono gli altri approcci restrittivi: il bypass gastrico (si crea una tasca che permette al bolo di saltare parte dello stomaco e il primo tratto dell’intestino tenue) è il più usato al mondo e dimostra una percentuale più alta di riduzione del peso in eccesso dopo cinque anni (62%). Anche l’impiego della gastroplastica verticale, con una riduzione di due terzi della superficie dello stomaco, è in crescita costante. Pur essendo più adatta per quei pazienti contrari alla dieta, più invasiva è la diversione biliopancreatica: una volta asportati una parte dello stomaco e l’intera colecisti, viene creato un secondo canale che ritarda l’incontro tra gli alimenti e le secrezioni digestive.

HOME

POLIAMBULATORIO MEDICO ODONTOIATRICO SAN LAZZARO MEDICA

VIA ETTORE BIGNONE 38/A
PINEROLO, ITALIA 10064
Italia
Telefono: 0121030435
Email: sanlazzaromedica@gmail.com

Count per Day

  • 39509Totale letture:
  • 26Letture odierne:
  • 19Letture di ieri:
  • 28551Totale visitatori:
  • 21Oggi:
  • 19Ieri:
  • 1Utenti attualmente in linea: